HOME

Aleksandr Isaevič Solženicyn

Stranizza d’amuri

Ernst Jünger

Aggiungiamo, nella lista dell’antipolitica seria, anche Ernst Jünger. Il miglior scrittore di guerra di sempre, a mio avviso. Ma non accostiamolo, neanche per scherzo, a quella roba italiana che prende lo stipendio per stare in Parlamento e per dire cose a vanvera.

“L’uomo va estraendo un nuovo ordine zoologico; il vero e proprio pericolo è di restarvi coinvolti. Questo è il mio posto d’avanguardia, sull’estremo limite del nulla: sull’orlo di quell’abisso combatto la mia battaglia” (E. Jünger, Diari 1941-1945, (9 luglio 1942)